+41 78 739 78 79 info@airsan.ch

La sanificazione nella produzione alimentare

IL GIUSTO TRATTAMENTO DELL’ARIA PER DARE VALORE AI TUOI PRODOTTI.
Nuovi metodi per il prolungamento della SHELF LIFE (vita da scaffale)

ESPERIENZA ED AFFIDABILITà

Il nostro focus è la preservazione della salute attraverso l‘utilizzo di sistemi di comprovata efficacia scientifica.

SETTORE AGROALIMENTARE
– FOTOCATALISI
– IONIZZAZIONE A PLASMA FREDDO

Prolungare la SHELF LIFE come valore aggiunto DELLA TUA AZIENDA

I prodotti alimentari, se non opportunamente conservati, tendono a deteriorarsi rapidamente diventando meno appetibili o addirittura tossici; l’industria alimentare è sempre alla ricerca di nuovi metodi per il
prolungamento della shelf life.

Si devono obbligatoriamente considerare i principali obiettivi della conservazione alimentare:

  • Non ridurre eccessivamente il valore nutrizionale degli alimenti
  • Non modificare i caratteri organolettici, le proprietà alimentari, le caratteristiche proprie …
  • Non determinare cambiamenti che portino alla formazione di sostanze tossiche

PRINCIPALI CAUSE DEL DETERIORAMENTO

MICROBIOLOGICO

(attività metabolica di microrganismi)
Ad esempio i batteri presenti nelle branchie dei pesci, nell’intestino e nella cute di animali da macello … metabolizzano composti a basso peso molecolare creando componenti volatili deterioranti (fenomeno superficiale) o profondi con conseguente deterioramento del prodotto (colore, odore, rammollimento dei tessuti … )

ENZIMATICO

(attività di enzimi propri) prima di un deterioramento microbico, i prodotti
subiscono un processo irreversibile della capacità delle cellule di mantenere la propria integrità, liberando enzimi endogeni (modifica di colore, odore, tessitura).

CHIMICO

(normali reazioni biologiche) queste reazioni determinano l’imbrunimento e la rancidità ossidativa.

Abbattimento dell’Etilene

Il fenomeno della maturazione è indotto dall’etilene, definito anche «ormone della maturazione» è legato ai livelli di respirazione dei tessuti vegetali e alla produzione di Etilene che aumentano indipendentemente dall’essere sulla pianta oppure no.
L’etilene, è un gas leggero (C2H4) che a contatto con l’ossigeno si scinde in anidride carbonica (CO2) ed acqua, e produce calore. Può essere prodotto da tutti gli organi della pianta, si diffonde facilmente nei tessuti e si disperde nell’aria.
Viene artificialmente aggiunto nei locali di stoccaggio da chi ha necessità di accelerare o far riprendere il processo di maturazione, ad esempio la frutta esotica.
Se invece l’esigenza è quella opposta, ovvero prolungare la SHELF-LIFE dei prodotti, allora si impiegano sistemi come la fotocatalisi e la ionizzazione al plasma freddo per l’abbattimento dell’Etilene nell’aria dei locali ove sono conservati.

EFFETTI DELL’ETILENE E FOTOCATALISI

Con la respirazione, oltre a CO2, H2O ed energia vengono prodotti altri metaboliti, tra questi è d’obbligo ricordare l’etilene, che è un ormone ed ha uno specifico ruolo nella maturazione e sovra maturazione dei vegetali. L’etilene però è anche un ormone gassoso ed ha la sua azione specifica nell’accelerazione della maturità e quindi della senescenza.
Da qui l’importanza di ridurne la presenza e, se possibile, limitarne la produzione.
Tra i vantaggi più interessanti, della fotocatalisi e della ionizzazione a plasma freddo, applicati al settore della conservazione degli alimenti c’è la capacità di abbattere oltre i virus, batteri, muffe e COV presenti nell’aria e sulle superfici anche la presenza di etilene negli ambienti.

In Evidenza

Sistemi di sanificazione di aria e superfici attiva H24 , 7 giorni su 7.

Fotocatalisi come funziona?

L’ossidazione fotocatalitica si ottiene attraverso dispositivi in grado di generare lo stesso processo naturale di reazione tra l’irraggiamento solare (attraverso speciali lampade UV-C a frequenze specifiche) e alcuni elementi catalizzatori (generalmente metalli nobili).

I dispositivi di fotocatalisi generano Gruppi Ossidrili (OH) ad alto potere sanificante, in grado di combinarsi con l’umidità relativa dell’aria (H2O) dando vita a molecole di Perossido di Idrogeno (H2O2) in grado di distribuirsi nell’ambiente e sulle superfici.

Il Perossido di Idrogeno altro non è che la comune acqua ossigenata, che non viene immessa nell’ambiente tramite saturazione o nebulizzazione, ma è il prodotto di una reazione fotochimica sicura e temporanea.

La Fotocatalisi prevede quindi Frequenze UV-C controllate, Gruppi Ossidrili OH e Perossido di idrogeno che agiscono in modo combinato e sicuro per una sanificazione efficace in grado di ridurre batteri, virus e una vasta gamma di sostanze inquinanti.

Eliminazione dell’ Etilene

Efficacia della fotocatalisi sulla concentrazione di Etilene.

Risultati

I risultati forniti in tabella, ottenuti mediante cromatografia, indicano che i frutti contenuti nella camera di controllo hanno iniziato a produrre Etilene sin dal primo giorno di conservazione a 25°C, raggiungendo la concentrazione massima nel 5° giorno, mentre nella camera equipaggiata con la Tecnologia Fotocatalitica il fenomeno non si è verificato accumulo
apprezzabile di Etilene.

​TECNOLOGIE INNOVATIVE
per offrire ai vostri clienti
ALIMENTI più SANI e SICURI

La sanificazione dell’aria e delle superfici ha un ruolo centrale nella conservazione dei cibi e delle bevande, che arrivano sulle nostre tavole.
La qualità e la salubrità della nostra alimentazione è uno degli aspetti più importanti della nostra routine quotidiana.
È fondamentale che gli alimenti e le bevande siano conservati in ambienti puliti e sanificati, in modo da non permettere la contaminazione da parte di
batteri e virus, che potrebbero depositarsi su ciò che andremo a bere e mangiare, provocando malattie ed infezioni.

AirSan – Le nostre soluzioni integrate a tutela costante della Tua salute.

La nostra azienda da diversi anni impegnata nello sviluppo di soluzioni integrate per il monitoraggio e la sanificazione dell’aria, propone un servizio modulabile che ha come primo obiettivo il controllo costante sulla qualità dell’aria all’interno di ambienti confinati attraverso dei dispositivi dotati di sensori ad altissima sensibilità in grado di misurare i contaminanti pericolosi presenti nell’aria come:

  • VOC – composti organici volatili

  • CO2 – biossido di carbonio

  • PM1 – PM2,5 – PM4 – PM10

  • O3 – ozono

  • NO2 – diossido di azoto

  • CO – monossido di carbonio

  • NH3 – ammoniaca

     

Diversi studi scientifici hanno dimostrato che la concentrazione nell’aria di polveri sottili quali PM1 – PM2,5 – PM4 – PM10 ha una correlazione forte e diretta con la capacità dei coronavirus di diffondersi e contaminare l’ambiente, in particolare si è osservato che i virus si legano al particolato atmosferico e lo usano come mezzo di trasporto.

 

Monitoraggio tramite "Lacentralina" e condivisione dati in rete

Lacentralina è un’unità modulare di monitoraggio ambientale, completamente gestibile da remoto. Essa può rilevare la presenza di specifici inquinanti, metterli in relazione con la presenza umana e inviare dati tramite connessione wireless, anche mobile, fornendo allarmi in caso di sovraesposizione. Tutti i parametri misurati sono disponibili su un portale dedicato, è possibile creare report,
grafici e definire allarmi. Gli stessi dati sono utilizzabili per la costruzione di qualsivoglia informativa da divulgare al publico.

Monitoraggio tramite "Lacentralina" + campionatura ed analisi periodica tamponi superfici

In collaborazione con un laboratorio accreditato, legato al dipartimento di chimica dell’università di Bologna, periodicamente verranno effettuate delle campionature in ambiente, atte alla verifica di presenza di colonie batteriche.
Il laboratorio rilascerà per ogni campionatura un documento di attestazione della qualità dell’aria.

Monitoraggio tramite "Lacentralina" + campionatura ed analisi + dispositivi di sanificazione attiva e costante, portatili o fissi su impianti aeraulici

Questa soluzione prevede un percorso completo di monitoraggio e sanificazione di aria e superfici, ai dispositivi di rilevamento ad alta sensibilità ed alle analisi di laboratorio si aggiunge l’installazione di sistemi di sanificazione attiva e continua che possono essere integrati negli impianti di aerazione esistenti oppure in modalità portatile per poter essere facilmente trasferiti, secondo le diverse esigenze,  nelle aree più esposte a contaminazioni.

Pin It on Pinterest

Share This